Specchio bianco

“Nell’opera di Goldoni, però, lo specchio “delle mie brame” diventa la negazione dell’immagine, abbandona il mondo patinato della moda, la ricchezza che dava la libertà anche culturale al mercante del ‘400 è ormai dimenticata, anzi annullata, in questa progressione di quattro tele, le pennellate diventano corpose, bianche, c’è la preparazione al cambiamento.”

da “Frammenti” (F. Libé)